Porto sempre con me le pastiglie di glucosio nel caso in cui inizi a sentirmi giù.

Come gestire il cyberbullismo nell’unità infermieristica

Un’altra fonte di stress tra gli infermieri è la violenza sul posto di lavoro e il cyberbullismo soddisfa questa definizione. Grazie alla tecnologia, i comportamenti di bullismo possono ora verificarsi in forma digitale tramite mezzi come messaggistica istantanea, e-mail, messaggi di testo, siti di social network o blog.

Secondo la politica del Consiglio nazionale per il Consiglio di stato degli infermieri sui social media, qualsiasi commento online pubblicato su un collega può costituire violenza laterale, anche se il posto è da casa durante le ore non lavorative.

Per affrontare il cyberbullismo, afferma la politica, i singoli infermieri dovrebbero conservare le prove dei commenti di bullismo. Quindi, durante una conversazione privata, presenta le prove alla persona che ha fatto i commenti. Documenta la conversazione e il suo esito e se c’è una seconda istanza di cyberbullismo, segnalalo al responsabile infermieristico. Se il comportamento continua, avvisa il capo infermiere.

I manager infermieristici dovrebbero verbalizzare al proprio personale che esiste una politica di tolleranza zero nei confronti del bullismo di qualsiasi tipo, compresi i commenti fatti online. I manager dovrebbero anche istruire il personale sugli standard e le politiche riguardanti il ​​cyberbullismo e dovrebbero prendere sul serio le osservazioni offensive.

Creare un ambiente di lavoro che affronti i problemi che contribuiscono allo stress e al burnout degli infermieri è più di qualcosa che è semplicemente carino da fare; è anche un modo per migliorare la cura del paziente. Ci sono molti motivi per migliorare. Una ricerca di Linda H. Aiken, RN, slim4vit effetti collaterali PhD, presso l’Università della Pennsylvania a Philadelphia, ha scoperto che i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico in ospedali con ambienti infermieristici migliori e livelli di personale superiori alla media hanno risultati migliori a costi uguali o inferiori rispetto ad altri ospedali .

Hai bisogno di altre prove?

Questo rapporto ti è stato fornito da HealthLeaders Media.

Fonte primaria

Salute sul posto di lavoro & Sicurezza

Fonte di riferimento: Brandford, AA et al "Depressione negli infermieri registrati" Sicurezza sulla salute sul lavoro 2016; DOI: 10.1177 / 2165079916653415.

Fonte secondaria

Journal of Occupational and Environmental Medicine

Fonte di riferimento: Melnyk, BM et al "Uno studio nazionale collega la salute fisica e mentale degli infermieri agli errori medici e al benessere percepito sul posto di lavoro" J Occupat Env Med 2017; DOI: 10.1097 / JOM.0000000000001198.

"Il diabete è così diffuso nella nostra società e mi sento come se avessi una migliore comprensione dei miei pazienti con diabete," ha detto Heather Weber, RN, che lavora in un reparto gastrointestinale ambulatoriale occupato. Ha il diabete di tipo 1 e ha sperimentato com’è lavorare come infermiera con diabete. "Recentemente ho avuto una malattia gastrointestinale al lavoro e, di conseguenza, il mio livello di zucchero nel sangue è diminuito piuttosto rapidamente dopo pranzo," lei disse. "I miei colleghi hanno notato che ero diaforetica e rapidamente mi hanno fatto sedere, dandomi da bere del succo di mela. Sono finito per tornare a casa poiché ero malato di un bug gastrointestinale, ma solo una volta che il mio zucchero nel sangue era abbastanza stabile da guidare. Ero grato per l’assistenza dei miei colleghi."

Secondo l’American Diabetes Association, circa 30,3 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete e circa 1,25 milioni di adulti e bambini hanno il diabete di tipo 1. Come possono gli infermieri diabetici gestire la loro condizione? Gli infermieri hanno difficoltà a seguire una dieta equilibrata a causa del saltare i pasti. Sono anche in piedi la maggior parte del tempo, mettendoli a rischio di complicazioni del piede, come le ulcere.

Fortunatamente, molti infermieri vogliono condividere le loro esperienze per aiutare gli altri a superare la sfida di bilanciare il diabete e fornire un’assistenza eccellente ai pazienti. Gli educatori del diabete si sforzano di aiutare tutte le persone che hanno il diabete e sono un’ottima risorsa per gli infermieri che vogliono gestire il loro diabete.

Gli infermieri generalmente sanno come gestire la loro condizione. Conoscono il diabete davanti e dietro attraverso il loro lavoro e sono professionisti intelligenti che sanno come adattare queste idee per se stessi.

"Di solito posso scivolare via per alcuni minuti o avere una copertura per un collega in modo da poter testare e / o mangiare uno spuntino," Weber ha detto. "Quando lavoravo come infermiera in terapia intensiva facendo turni di 12 ore, di solito mangiavo snack per evitare un basso livello di zucchero nel sangue mentre facevo i miei grafici alla stazione degli infermieri."

Suggerimenti come questo sono inestimabili perché si basano sulle esperienze reali degli infermieri con diabete.

Fran Damian, MS, RN, NEA-BC, che lavora al Boston Children’s Hospital, ha anche i suoi trucchi: "Gestire bene il diabete richiede una buona pianificazione ed essere sempre ben preparati con scorte extra," lei disse. "Vivo uno stile di vita sano il più possibile. Ciò include un regolare esercizio fisico e una dieta ben bilanciata. Mi sento meglio quando mangio molta frutta, verdura e proteine ​​magre e bevo molta acqua … Ho sempre delle pastiglie di glucosio addosso nel caso in cui inizi a sentirmi debole."

"La nostra unità era abbastanza buona se venivamo sbattuti e non prendevamo il pranzo," ha detto Danielle Kreais, MSN, RN, CPNP-PC, un’infermiera in Ohio. Ha ottenuto la sua diagnosi e ha imparato a farcela, il tutto mentre lavorava di notte in un’unità ostetrica impegnata. "Il direttore ha ordinato panini e patatine fritte per il pranzo per noi. C’era un altro diabetico con cui lavoravo e il consiglio che mi diede era di assicurarmi di avere sempre una di quelle barre della Nature Valley nella mia borsa da lavoro, nel vano portaoggetti della mia macchina e nel mio armadietto. Quelli al burro di arachidi hanno proteine ​​e sono un carboidrato, quindi era un’ottima combinazione se il pranzo fosse mancato."

Kreais ha aggiunto: "Mi ha detto di tenere quelle caramelle a strisce di menta piperita [in tasca], ​​che sono morbide, e che puoi masticarle. Sono sufficienti per aumentare i tuoi zuccheri, inoltre non si sciolgono."

Gli infermieri con nuova diagnosi di diabete farebbero bene a portare sempre con sé compresse di glucosio per prevenire un basso livello di zucchero nel sangue. Assicurati di dire al tuo manager e ai tuoi colleghi cosa sta succedendo in modo che possano aiutarti quando necessario. Gli snack e l’acqua sono essenziali per un buon controllo della glicemia. Non dimenticare di utilizzare le tue risorse, come endocrinologi, dietisti ed educatori sul diabete per aiutarti a pianificare i pasti e le strategie giusti da utilizzare sul lavoro.

CDE

Sebbene i suggerimenti degli infermieri possano essere preziosi, non hanno nulla a che fare con il tipo di informazioni mirate che possono provenire da un educatore certificato per il diabete (CDE). Questi professionisti medici hanno la responsabilità di insegnare a tutte le persone con diabete in tutte le situazioni come gestire la propria vita e prevenire le complicazioni.

Lucille Hughes, DNP, MSN / Ed, CDE, BC-ADM, FAADE, direttrice dell’educazione sul diabete presso il South Nassau Communities Hospital di Oceanside, New York, ha descritto alcune delle sfide che gli infermieri possono affrontare quando si occupano di diabete sul lavoro e hanno notato i seguenti suggerimenti per la gestione di alcuni comuni.

Gli infermieri spesso non hanno la possibilità di mangiare durante un turno e questo può influire gravemente sui livelli di zucchero nel sangue. "Quando gli infermieri con diabete si trovano in questa situazione, pianificare ed essere preparati è la migliore medicina," disse Hughes. "Tenere a portata di mano spuntini che sono una miscela di carboidrati, proteine ​​e grassi può essere di grande aiuto in queste situazioni."

"La pianificazione dei pasti è il segreto per convivere con il diabete ed essere una persona sana," Hughes ha continuato. "Investire in un buon pranzo al sacco – o due – ti consentirà di pianificare e mettere in valigia tutti gli elementi essenziali per mangiare e fare spuntini sani. Essere impreparati e trovarsi in balia di un distributore automatico non è una buona situazione in cui trovarsi. È molto improbabile che troverai un’opzione “salutare” per il pranzo o uno spuntino."

Oltre alla cattiva alimentazione, gli infermieri devono anche affrontare un impatto significativo sui loro piedi e questo può causare complicazioni legate al piede per gli infermieri che hanno il diabete. "Innanzitutto, investire in un buon paio di scarpe comode è essenziale per chi trascorre la maggior parte della giornata in piedi," disse Hughes. "Calli ed evulsioni cutanee dovute allo sfregamento di una scarpa su una zona della punta, del tallone o della caviglia possono essere pericolosi e tuttavia evitabili."

Calzature sane

Ecco sei suggerimenti che Hughes ha su come trovare scarpe che calzano e come determinare se sono una scelta salutare:

Quando provi una scarpa in negozio, assicurati che sia comoda; se non lo è, non comprarlo Molte persone pensano che le scarpe nuove richiedano un po ‘di "irrompere" e che devi sopportare il dolore associato; questo non è vero – se le scarpe nuove iniziano a far male, toglile immediatamente e non usarle più Non pensare che le uniche scarpe che puoi indossare come infermiera con il diabete siano quelle fuori moda; ci sono molte opzioni per le scarpe che si adattano, quindi fai la dovuta diligenza e trova scarpe che proteggano i tuoi piedi Oltre a trovare le scarpe giuste, l’ispezione del piede è fondamentale per proteggere i tuoi piedi; controllali ogni giorno e usa uno specchio per vedere il fondo e i lati dei tuoi piedi. Se noti arrossamenti, tagli o vesciche, consulta immediatamente il tuo podologo. Prenditi cura dei piccoli cambiamenti immediatamente prima che si espandano in qualcosa di ingestibile Consulta un podologo ogni anno – senza eccezioni e più spesso se necessario Infine, ogni volta che vedi un medico, chiedi se ti guarderanno i piedi durante la visita in studio. Questo potrebbe essere il tuo medico di base, il tuo endocrinologo o qualsiasi altro specialista che potresti vedere – entro limiti ragionevoli, ovviamente; molti dentisti avrebbero problemi con questa richiesta. Seriamente, però, qualsiasi professionista che guardi i tuoi piedi potrebbe vedere un problema abbastanza presto da fermarlo. Usa queste risorse

Gli infermieri trascorrono così tanto tempo a prendersi cura degli altri che spesso dimenticano di prendersi cura di se stessi. Sfortunatamente, questo non è salutare per qualsiasi infermiera, ma particolarmente fastidioso per un’infermiera con diabete. Tuttavia, queste sfide non sono insormontabili, anche se potrebbero richiedere un po ‘di lavoro. Pianificare la dieta e i pasti è fondamentale per assicurarti di avere cibo a portata di mano per i bassi improvvisi. La pianificazione dei pasti può anche aiutarti a tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue. Per i tuoi piedi, la pianificazione è di nuovo essenziale. Devi trovare scarpe comode, senza fare domande.

Seguendo questi passaggi, gli infermieri con diabete dovrebbero essere in grado di funzionare bene come infermieri – e molti lo sono! Se ti accorgi di avere problemi a combinare diabete e allattamento, fallo sapere al tuo medico. Potrebbero essere in grado di indirizzarti a un numero qualsiasi di professionisti che possono aiutarti.